Consiglio Comunale (13.06.2018) – Intervento su Centro parrocchiale di San Felice in Felline e Santa Maria Madre della Chiesa e Verde Urbano

SARA PETRONE“Buongiorno a tutti. Mi volevo fare portavoce, d’accordo con l’Assessore De Maio, col Sindaco, di alcune raccomandazioni in merito a questo punto, anche avendo partecipato all’incontro che si è tenuto a Salerno Energia per la condivisione del progetto, per il quale mi complimento con il Sindaco e l’Assessore per come è stato condotto e per la partecipazione dei cittadini, dei quali io stessa ho potuto verificare la volontà di vedere realizzata questa struttura. Avevamo promesso ai cittadini – l’Assessore aveva promesso che avrebbe raccomandato – a valle della realizzazione dei locali annessi alla Chiesa – che avrebbe proposto alla stessa di portare avanti delle convenzioni che potessero favorire l’utilizzo di questi locali a fini aggregativi, sociali, quindi aperti a tutti indipendentemente dalle funzioni religiose, dalle finalità prettamente religiose. E in più aggiungo, per una sensibilità mia personale, per par condicio con l’approvazione del Centro Parrocchiale di Santa Margherita – anche in questo caso, trattandosi di nuova costruzione – ribadisco l’attenzione ai bilancio del verde e quindi alla presenza di essenze arboree.

Qualora si vada a realizzare qualsiasi nuova struttura, si faccia attenzione a non penalizzare il nostro bilancio del verde.

E infine cogliendo quello che era stato evidenziato dai colleghi, anche dell’opposizione, circa l’eventuale non previsione dell’eliminazione delle barriere architettoniche, non credo che il progetto non tenga conto dell’accesso dei disabili, ma una particolare attenzione a riguardo la volevamo rappresentare. Infine, a nome anche dei colleghi della Quinta Commissione Urbanistica faccio mio, condividendolo, il deliberato proposto, ma nel dispositivo finale aggiungerei all’ultimo capoverso, quando la delibera recita “di mandare all’Avvocatura Comunale per la successiva necessaria integrazione dell’atto pubblico di cessione dell’area del 2006”, aggiungerei anche “e verificarne la validità alla data odierna”. Questo per la tranquillità di tutti quelli che hanno espresso una preoccupazione a riguardo.”