Le zone agricole e l’elogio alla Petrone scatenano il battibecco tra Napoli e Gallo